Img_001

Dovendo elaborare una sequenza video a partire da una serie di immagini ritoccate con GIMP, ho avviato una ricerca senza confini per rintracciare un software:

  • sicuramente “free”;
  • preferibilmente “portable”;
  • facilmente configurabile e rapido in fase di elaborazione.

La mia scelta è caduta su PhotoFilmStrip. Grazie a questo programma è possibile:

  1. collegare più immagini in sequenza a cui applicare effetti di transizione di fade in/out;
  2. uscire in vari formati (dal VCD al Full-HD);
  3. inserire una base musicale a corredo del video. Ed è qui che si rimane favorevolmente colpiti… in giro si trovano molti sofware per l’editing video, anche se sono rari quelli che riescono a calcolare in automatico la durata dei singoli fotogrammi perché si adattino esattamente alla lunghezza del brano musicale… Qui tutto è di una semplicità disarmante. Ridottissimo il numero di passaggi per ottenere un video di qualità senza essere registi provetti: importazione delle immagini, gestione delle transizioni (step facoltativo), scelta del formato di uscita e salvataggio del video finale.

Ovviamente, però, PhotoFilmStrip (qui una interessante e rapida guida per sfruttare fin da subito le sue potenzialità) produce esclusivamente un file in formato video. E se devo aggiungere dei menù oppure ho a che fare con più di un video?

A correre in soccorso sono due (tra i millemila) software dedicati all’editing video: DVDFlick e DVDStyler. Anche qui abbiamo a che fare con programmi:

  • scaricabili anche in versione “portable”;
  • dalle interessanti funzionalità e dalle non poche possibilità di personalizzazione;
  • di rapida e semplice gestione;
  • in grado di salvare tutto quanto serve per masterizzare un DVD Video che “giri” sui lettori comunemente acquistabili nei negozi (il programma provvede infatti a ricreare su PC tutta quella serie di file presenti nelle famose cartelle “AUDIO_TS” e “VIDEO_TS”, di cui la prima sempre ed inspiegabilmente “vuota”);
  • che possono creare “al volo” anche l’immagine ISO del video in questione, così da poterlo masterizzare quante volte si vuole a partire da un unico file “preconfezionato”, anche senza avere più a disposizione il materiale originario (immagini, video, sonoro, etc…).

Sinteticamente, cerco di evidenziare – senza seguire un ordine di priorità – le peculiarità che ho trovato più interessanti:

DVDFlick DVDStyler
  • Permette di andare a modificare i menù semplicemente editando un file ad estensione “.cfc” e cambiando le immagini di sfondo, il tipo di tasti, etc… (per modificare il “template.cfc” è sufficiente avere qualche rudimentale conoscenza in ambito CSS ed un editor HTML sul genere di MAX’s HTML Beauty++ 2004);
  • aggiunge automaticamente un numero di capitoli pari a quello dei video inseriti;
  • dà la possibilità di salvare menù personalizzati da riutilizzare eventualmente in altre occasioni sulla base dei settaggi pre-impostati;
  • non salva in formato ISO anche se crea su Hard-Disk le due fantomatiche cartelle “VISEO_TS” ed “AUDIO_TS”. Per “confezionare” il pacchetto ISO, si può sempre ricorrere – in post-produzione – a svariati programmi gratuiti. Per evitare di ricorrere ad altro software, si può anche qui far riferimento ad “ImgBurn” (selezionando nella tendina “Mode” la voce “Built”, andando quindi a scegliere le cartelle e/o i file necessari per creare il file ISO);
  • supporta svariati formati e ridimensiona in automatico le dimensioni del “pacchetto finale” in funzione della dimensione (personalizzabile) del supporto removibile scelto;
  • disponibile esclusivamente per sistemi “Windows-Base”;
  • permette di poter visionare una “preview” del disco finale prima di masterizzare il tutto (una volta inserito anche solo un video, basta andare in “Menu settings” e cliccare sul pulsante “Preview”);
  • patisce un po’ meno gli “impuntamenti” presenti in DVDStyler nel caso si lavori con molti file.
  • Permette di inserire riquadri in cui attivare il play automatico del video prescelto, rendendo più dinamica ed accattivante l’interfaccia grafica dei menù di navigazione;
  • aggiunge in automatico tanti capitoli quanti sono i video caricati sul DVD;
  • dà la possibilità di scegliere se ricreare le cartelle VIDEO_TS/AUDIO_TS oppure salvare tutto in un unico file in formato ISO, masterizzabile – ad esempio – con “ImgBurn” (per la masterizzazione selezionare nella tendina “Mode” la voce “Write” ed andare a cercare il file ISO da scrivere su supporto removibile);
  • provvede a ridimensionare in automatico il bitrate e la qualità dei video inseriti qualora eccedano le dimensioni dei comuni DVD da 4,7Gb;
  • supporta moltissimi formati, tra cui i file ad estensione “.flv”, molto diffusi e tipici di Youtube;
  • disponibile anche per Mac e Linux;
  • se si inseriscono più capitoli o video (un esempio “a caso”: 22 video YouTube inseriti nello stesso DVD!!!), il programma potrebbe manifestare dei “mancamenti” sui PC più datati. Basta avere pazienza, salvare di tanto in tanto e lasciarlo “macinare” in modo da permettergli di tirare il fiato tra una operazione ed un’altra.

Conclusioni: a mio avviso l’accoppiata “PhotoFilmStrip” e “DVDStyler” può rappresentare un validissimo trampolino di lancio verso l’editing multimediale, anche solo per chi voglia dilettarsi a trasformare in formato DVD i video delle vacanze… “DVDFlick” è infatti un “tool” decisamente più utile per chi sia in grado di intervenire sugli script che gestiscono i vari menu. Diversamente, infatti, non presenta peculiarità tali da farsi preferire a “DVDStyler”. Anzi questo ultimo software, oltre ad essere disponibile in versione “multipiattaforma” (Win-Linux-Mac), prevede il non indifferente vantaggio – almeno per il sottoscritto – di permettere da subito la creazione di un file ISO, salvabile su Hard-Disk esterno per una eventuale e successiva rimasterizzazione. Non è raro infatti che – nel tempo – le righe sui DVD ne pregiudichino di molto la funzionalità (lettura “a scatti”, impossibilità di mandare addirittura in “play” il filmato, etc…), oppure – più semplicemente – si voglia fare una ulteriore copia da distribuire ad amici e parenti (che, per esperienza personale, non sempre riesce a partire dal DVD originario). Se si è salvato da qualche parte il file in formato “ISO” (contenente tutte le informazioni necessarie a ricreare una esatta copia del primo “master” senza impazzire con i settaggi), sarà un gioco da ragazzi riscrivere il video anche a distanza di anni…

Annunci

Informazioni su openfreeman

Mi chiamo Alberto Giacardi. Laureato in Architettura e con un Dottorato in Ingegneria Edile, passando per un Master in Management del Patrimonio Immobiliare, da sempre sono alla ricerca di software OpenSource o comunque Freeware per la gestione del PC. Ho deciso di firmarmi "OpenFreeMan" fondamentalmente per due motivi: mi sento "Open", ovvero "aperto" al dialogo ed alle critiche nonchè all'«Open»Source. "Free" perchè sono "senza padroni" (o forse semplicemente perchè propugno da tempo immemore l'importanza del «Free»ware, in informatica e nella vita). Credo infatti sia necessario poter permettere a qualsiasi utente, a prescindere dalla sua "alfabetizzazione informatica" o precedente esperienza manuale (fronte bricolage), di approcciarsi ad argomenti di interesse in maniera facile, senza complicazioni e con uno sguardo non irrilevante al portafogli. Sono inoltre un grande appassionato di bricolage, declinato in qualsiasi forma: legno, acciaio, alluminio, cuoio sono gli ingredienti fondamentali di molte mie creazioni e troveranno posto in qualche post all'interno del blog... anche se parleremo molto di più di informatica spiccia!!!

Una risposta »

  1. […] Editing Video: la magia di DVDFlick, DVDStyler e PhotoFilmStrip ::: OpenFreeMan […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...